MOSTRA L’ENIGMA DEL FIENILE PROTESTANTE
MOSTRA L’ENIGMA DEL FIENILE PROTESTANTE
MOSTRA L’ENIGMA DEL FIENILE PROTESTANTE

Oggetto: Allestimento della mostra internazionale “L’enigma del Fienile Protestante”

Autori: Diego Repetto con la partecipazione di Emilio Ferro per Martini Light S.p.A.

Anno: 2014

Descrizione:

La monumentale Sala Barile di Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio Regionale della Regione Toscana, in cui si è esposta la tela “Fienile protestante” dal 15 al 30 aprile 2014, ha richiesto al progetto di allestimento un adeguato impatto visivo, al fine di evitare di snaturare la qualità intrinseca della sala storica (appena restaurata), riccamente affrescata, e il dipinto ottocentesco.

La Sala Barile, dalla pianta quadrata, accoglie in posizione leggermente decentrata – rispetto all’ambiente stesso – la teca e l’impianto di illuminazione sperimentale, il quale è stato appositamente progettato da Martini Light S.p.A. di Concordia (MO).

Il sistema di illuminazione “HD Retina LED”, sviluppato da un’intuizione di Giorgio Martini, è anch’esso a carattere scientifico e pertanto all’avanguardia, volto cioè a riproporre con un’applicazione mai usata prima, sperimentale, la massima resa ottica dei colori e delle superfici del dipinto. Tutto ciò in modo da permettere la visione dei colori come se non ci fosse nessuna interferenza, restituendo l’immagine nel visibile il più naturalmente possibile. HD Retina è un LED ad alta definizione, che satura contemporaneamente e in modo perfettamente equilibrato le superfici colorate, con toni caldi e freddi, rendendole naturalmente percettibili all’occhio umano. Ecco perché questo tipo di LED è adatto per molteplici ambiti di applicazione e – in modo particolare – è indicato per tutte quelle superfici pittoriche difformi o piatte da illuminare. Normalmente (“erroneamente”) si ritiene che sia la luce del sole a dare il comfort visivo ideale; ma in realtà non è sempre così, in quanto anche la luce di un sole splendente tende a distorcere i colori, appiattendone le superfici tridimensionali. L’idea di partenza per lo sviluppo di HD Retina LED è stata non tanto capire come illuminare al meglio il colore di un oggetto, quanto piuttosto studiare come l’occhio umano ricostruisce i colori; quindi, è stata dapprima definita una luce naturale che potesse essere considerata ideale per l’occhio per poi costruire una sorgente che fosse in grado di replicare quella luce in un ambiente chiuso, seppur ricco di piani tridimensionali e colori variegati. Le sperimentazioni hanno dimostrato che la luce considerata ideale per il comfort visivo e una rappresentazione fedele dei colori corrisponde a quello che il nostro occhio percepisce “all’alba e al tramonto”, quando la sorgente per eccellenza – il sole – illumina le superfici in modo indiretto, con una temperatura colore tra i 3.500 K e i 3.700 K. Al di là della qualità della luce effettivamente percepita, l’innovazione proposta in questa sede espositiva è una diversa – ma altrettanto reale – prospettiva con cui pensare al “colore”. Il colore, infatti, non è una caratteristica fisica degli oggetti, ma il risultato della percezione visiva della “qualità/luce” che li illumina. Questo rivoluzionario LED, sviluppato dalla Martini Light, con la sua neutralità della luce, né troppo calda (surround giallo/rosso), né troppo fredda (surround blu), e con l’ottimale resa cromatica garantisce il miglior compromesso possibile per non alterare le tonalità di base del dipinto. Inoltre la sorgente LED HD Retina garantisce un bassissimo “indice di probabilità di danneggiamento” (DI = Damage Index), inferiore a quello delle attuali sorgenti alogene normalmente utilizzate in ambito museale.

Evento correlato alla pubblicazione del catalogo “Vincent van Gogh. The enigma of the Protestant barn”, Stamperia interna del Consiglio Regionale della Toscana, Firenze 2014.

 

MOSTRA L’ENIGMA DEL FIENILE PROTESTANTE

  • Categories →
  • progetti e realizzazioni
 
Back to top